MUSICA

RASSEGNA CINEMATOGRAFICA GRATUITA
“PUGLIA.A/R”
D'Autore D'Estate - Apulia Film Commission - Anche Cinema

Venerdì 5 ottobre | ore 20 | VISTA MARE
Domenica 7 ottobre | ore 19 | TARANTA ON THE ROAD
Venerdì 12 ottobre | ore 20 | FALENE
Domenica 14 ottobre | ore 19 | NOMI E COGNOMI

INGRESSO LIBERO e GRATUITO
Teatro Polifunzionale Anche Cinema
Corso Italia 112 | Parcheggio convenzionato in Corso Italia 45
INFO SMS 333 90 72 419
anchecinemastaff@gmail.com
www.anchecinema.com

La Puglia, come punto di partenza e arrivo, come confine da valicare e come approdo da ritrovare. La Puglia come viaggio attraverso luoghi familiari e culture che si intrecciano. La Puglia del futuro in una visione distopica che capovolge la storia recente degli sbarchi sulle sue coste e la Puglia di chi abbandona il nord per ritornare alle proprie radici e dare il proprio contributo per rendere la terra natia un posto migliore. La Puglia accogliente e generosa e la Puglia sfregiata dalla criminalità e soffocata dalla crisi economica. Questa rassegna cinematografica è un viaggio di andata e di ritorno da e per questa terra di confine.

FILM

VISTA MARE
Regia di Andrea Castoldi
Un film con Arturo Di Tullio, Pietro Sarubbi, Lorenza Pisano, Toni Pandolfo, Alberto Agnoletto
2017, durata 85 minuti

Italia 2020. La regione Puglia è diventata una frontiera militarizzata, una linea di confine da non oltrepassare e al collasso a causa delle migliaia di italiani che in pochi mesi l'hanno invasa. Lo Stato italiano è ormai alla deriva. Le rivolte popolari e le manifestazioni si susseguono a causa di una crisi economica sempre più soffocante. Scontati tre anni di carcere per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, ora agli arresti domiciliari, Stilitano è deciso a ricominciare dalla sua vecchia vita di pizzaiolo. Le condizioni sfavorevoli in cui versa il Paese lo obbligano però a partire alla volta della Foresta Umbra. Qui incontra un gruppo di italiani, nascosto da settimane in un vecchio casolare abbandonato, che come lui è in attesa di poter salire su un gommone di fortuna per raggiungere la tanto sognata Albania, terra prospera di lavoro e di speranza.

TARANTA ON THE ROAD
Regia di Salvatore Allocca
Un film con Alessio Vassallo, Nabiha Akkari, Bianca Nappi, Helmi Dridi, Nando Irene
2017, durata 80 minuti

All'indomani della primavera Araba del 2011, Amira e Tarek, due migranti tunisini senza niente in comune, raggiungono la costa italiana. Per caso, si ritrovano entrambi a chiedere aiuto ad una band salentina, alla ricerca del successo tra sagre e matrimoni, che li scambia per una coppia in attesa di un figlio, decidendo così di aiutarli a raggiungere la Francia. Il viaggio, la paura, l'amore, l'incertezza del futuro e il desiderio di trovare la propria strada, uniranno tutti in un'esperienza unica che, forse, cambierà per sempre le loro vite.

FALENE
Regia di Andrés Arce Maldonado
Un film con Paolo Sassanelli e Totò Onnis
2009, durata 65 minuti

Di sera, due amici quarantenni si incontrano, hanno appuntamento con qualcuno che permetterà loro di uscire fuori da una vita che non li soddisfa e da cui vogliono rifuggire. Nell'attesa, i due amici chiacchierano del più e del meno, rivedono momenti del loro passato e pregustano nuovi scenari futuri, sognano ad ogni aperti per evadere dalla realtà. Con il passare delle ore, il loro desiderio di cambiare tutto si trasforma nella consapevolezza di aver inutilmente sprecato un'intera esistenza, in disillusione per non riuscire ad abbandonare la mediocre realtà che li circonda e che li accompagnerà in eterno.

NOMI E COGNOMI
Regia di Sebastiano Rizzo
Un film con Enrico Lo Verso, Maria Grazia Cucinotta, Marco Rossetti, Antonino Bruschetta, Dino Abbrescia
2015, durata 99 minuti

Domenico Riva è uno stimato giornalista che da Milano rientra con la famiglia nella sua terra d'origine: un piccolo paese del Sud Italia. Direttore della più importante testata giornalistica del luogo, attiva un progressivo risveglio della coscienza civile del paese, che negli anni ha tacitamente accettato un pericoloso status quo: loschi traffici travestiti di legalità. Tutto si gioca attorno ai fatti di una discarica abusiva oggetto di mire illecite; Riva e i suoi, faranno il loro lavoro: raccontare i fatti.

Pubblicato in CINEMA
Martedì, 04 Settembre 2018 13:32

VISIONI DI REALISMO MAGICO | D'autore d'estate

VISIONI DI REALISMO MAGICO

Rassegna cinematografica e serie di incontri 

al Teatro Polifunzionale AncheCinema

dal 10 settembre al 11 ottobre 2018

Pubblicato in CINEMA

Walter Attanasi dirige l'Orchestra sinfonica Metropolitana di Bari.

VENERDÌ 29 GIUGNO 2018 - BARI
TEATRO POLIFUNZIONALE ANCHE CINEMA - ORE 21.00*

Pubblicato in MUSICA
Mercoledì, 18 Aprile 2018 18:06

PAPA FRANCESCO | LA MIA IDEA DI ARTE

Proiezione del documentario
PAPA FRANCESCO | LA MIA IDEA DI ARTE
di Claudio Rossi Massimi del 2017

Pubblicato in CINEMA
Mercoledì, 11 Aprile 2018 17:59

MY FRIENDS IN TEATRO

Giovedì 19 aprile | ore 21.00
MY FRIENDS IN TEATRO
con Renato Ciardo, Leo Bozzi, Massimo Bagnato e Rino Argeri
Teatro Polifunzionale Anche Cinema
Non perdetevi questa magnifica serata. Myfriends in teatro
Biglietti QUI: https://bit.ly/2GRlyJv

Pubblicato in TEATRO
Mercoledì, 11 Aprile 2018 17:47

FOOD & LIVE MUSIC EVENT

I edizione del FOOD & LIVE MUSIC EVENT

Mercoledì 11 Aprile (h.20.00 – 24.00)

3 artisti calcheranno il palco dell’ Anche Cinema per la I edizione del FOOD & LIVE MUSIC EVENT, concerto-evento obiettivo sinergia fra artisti e aziende enogastronomiche del barese.

Pubblicato in MUSICA
Giovedì, 05 Aprile 2018 15:40

Earth | Un giorno straordinario

In occasione delle giornate mondiali per la Terra
il film più imperdibile della Terra!
Proiezione del documentario
Earth | Un giorno straordinario
prodotto dalla BBC Earth Films
e raccontato da Diego Abatantuono

GUARDA il trailer: https://youtu.be/cyMz87aV_40

lunedì 23 aprile | ore 18.00
martedì 24 aprile | ore 18.30 | ore 21.00
mercoledì 25 aprile | ore 18.30| 21.00

giovedì 26 aprile | ore 10.00

Teatro Polifunzionale Anche Cinema
Corso Italia 112 BARI
Parcheggio convenzionato in Corso Italia 45

Biglietti ONLINE disponibili su www.cinemaz.com
Biglietti al botteghino del Teatro Polifunzionale Anche Cinema
Biglietti RIDOTTI con ANCHECINEMA CARD
ACQUISTA CON LA CARTA DEL DOCENTE
INFO SMS 329 611 22 91

Nel corso di una sola giornata, seguiamo il percorso del sole dalle montagne più alte alle isole più remote, dalle giungle esotiche a quelle urbane.

Dopo Earth – La nostra terra, la casa cinematografica BBC Earth Films ha creato il tanto atteso seguito: Earth – Un giorno straordinario, un viaggio stupefacente raccontato nella versione italiana dalla voce di Diego Abatantuono, che rivela l’eccezionale potenza della natura.

Nel corso di una sola giornata, seguiamo il percorso del sole dalle montagne più alte alle isole più remote, dalle giungle esotiche a quelle urbane.
Grazie ai sorprendenti progressi nella tecnologia delle riprese, è possibile osservare da vicino gli animali in diverse situazioni: un cucciolo di zebra che cerca disperatamente di attraversare un fiume in piena, un pinguino che sfida eroicamente la morte per sfamare la sua famiglia, un branco di capodogli a cui piace sonnecchiare in posizione verticale e un bradipo in cerca d’amore.

Narrata con umorismo, intimità, emozione e superlative riprese cinematografiche, Earth – Un giorno straordinario è un’affascinante avventura sul grande schermo adatta alle famiglie che mostra in modo spettacolare drammi e meraviglie a volte incredibili.

Pietra miliare nel genere del documentario naturalistico, il lungometraggio Earth – La nostra terra ebbe un enorme successo a livello di critica e botteghino, con un incasso mondiale di 112 milioni di dollari, uno dei più alti mai raggiunti da questo genere di produzione. Per questo sorprende che per vedere il seguito, Earth – Un giorno straordinario, siano occorsi dieci anni.

«Si fanno film così speciali solo quando senti che è il momento di farli», afferma Neil Nightingale, direttore creativo della BBC Earth. «Nessuno ci obbliga a fare un film all’anno. Quindi cerchiamo quelle occasioni uniche che ci convincono di poter creare qualcosa di davvero straordinario». Sono diversi i fattori che hanno portato al sequel su grande schermo: la tecnologia sempre più versatile, che riesce a offrire una visione intima ma anche epica, il desiderio di allargare gli orizzonti del documentario sconfinando in Cina, le crescenti capacità della BBC Earth Films nel raccontare storie per il cinema e la voglia di mostrare tutte le cose incredibili che ogni giorno accadono sulla Terra in modo teatrale, umoristico e commovente. La casa cinematografica ha voluto fare qualcosa di più audace che presentare semplicemente una serie di divertenti storie di animali. Il film si è concretizzato quando il team ha pensato all’espediente narrativo: strutturare la storia intorno al passaggio del sole nel corso di una giornata.

«Nel film originale si trattava di un anno, che è un ciclo naturale» aggiunge Nightingale. «I film sulla natura funzionano meglio quando c’è una storia organica a cui aggiungere il dramma dei personaggi. E a pensarci bene, non esiste ciclo in natura più riconoscibile di quello di un giorno. Ogni animale, ogni pianta, ogni uomo risponde agli stimoli della luce e dell’oscurità, del sorgere e del calare del sole. È un quadro bellissimo. Queste occasioni non capitano molto spesso, quindi devi approfittarne nel modo giusto».

La storia è avvincente perché il sole non è solo un marcatore del tempo ma anche un catalizzatore del cambiamento. Nell’Artico, i narvali possono raggiungere le loro aree di nutrimento solo perché il sole scioglie i ghiacci e crea dei canali in cui possono nuotare. «Mentre assistiamo al supremo combattimento aereo tra il colibrì e l’ape, il sole lavora dietro le quinte generando il caldo e l’umidità che si trasformano in una pioggia torrenziale», afferma il produttore supervisore Myles Connolly. «Il colibrì è grande abbastanza per sopportare la pioggia, ma l’ape non ce la fa».

Nella versione italiana la voce narrante è di Diego Abatantuono. L’animale a cui l’attore sente di somigliare di più è il Colibrì (a quanto pare entrambi mangiano circa 1000 volte al giorno!), e per lui Earth – Un giorno straordinario è il film più imperdibile della Terra.

Pubblicato in CINEMA
Mercoledì, 28 Marzo 2018 11:29

CROCI | L’ALBA DEL TERZO MILLENNIO

Spettacolo teatrale
CROCI | L’ALBA DEL TERZO MILLENNIO
DI PIETRO DE SILVA
REGIA: FERMI
con GIANNI CIARDO e FRANCO FERRANTE

Giovedì 12 aprile 2018 | ore 21.00
Teatro polifunzionale Anche Cinema
Corso Italia 112 BARI
Parcheggio convenzionato in Corso Italia 45

Biglietti ONLINE qui: https://bit.ly/2pxXGUK
e qui: https://bit.ly/2pzAdCi
Biglietti disponibili in tutti i punti vendita BOOKINGSHOW e al botteghino del Teatro Polifunzionale Anche Cinema

Biglietti RIDOTTI con AncheCinema CARD
ACQUISTA CON LA CARTA DEL DOCENTE

INFO SMS 329 611 22 91

Massima la difficoltà nel mettere in scena un nuovo lavoro, come l’Alba del terzo millennio.
La difficoltà sta nell’argomento, cosi spesso trattato, e nel fatto che la vicenda è sin troppo nota!
Qualcuno potrebbe dire:…”è un ripresa…
Intervengo subito dicendo che l’ultima replica fu fatta 2000 anni fa, per cui si tratta, a tutti gli effetti, di nuova drammaturgia, approfittando della simulazione.
Le nuove generazioni vanno informate.
Mi pareva che l’unico territorio rimasto inesplorato nel teatro barese fosse quello dei sentimenti.
Volevo che il pubblico piangesse per questo!
… che piangesse per il dispiacere!
…che piangesse per ogni attimo!
….che piangesse per ogni parola!
….che piangesse per il finale!
…che piangesse per le musiche!
….che piangesse sempre!!!
Gianni Ciardo e Franco Ferrante non ci sono riusciti.
Loro non hanno fatto altro che farvi ridere per aver tenuto conto della mancanza di deontologia, che grazie a Dio serve solo per essere citata gratuitamente, senza sapere nemmeno perché!
La regia: Fermi

Pubblicato in TEATRO
Martedì, 20 Marzo 2018 21:43

FOOD COOP

Proiezione del documentario
FOOD COOP

PROSSIMAMENTE
Teatro Polifunzionale AncheCinema
OBBLIGATORIA LA CONFERMA della proiezione con PRENOTAZIONE su www.movieday.com

L’esperimento americano va avanti da oltre 40 anni, ma solo adesso – grazie a un raffinato film-documentario – inizia a diffondersi nel resto del mondo. L’idea è geniale: creare un supermercato dal basso, con prodotti di altissima qualità e a prezzi stracciati, grazie al principio che chi compra deve anche essere socio dell’attività e lavorare per essa. Ma non certo in maniera esclusiva: un impegno di circa 2,5 ore mensili.

Così un chirurgo, un idraulico e un insegnante di matematica si ritrovano insieme a sistemare merci sugli scaffali, a spazzare e a fare cassa. Un’utopia realizzata che riesce non solo a sconfiggere l’astrazione e l’impersonalità del marketing della grande distribuzione – che inevitabilmente fa gli interessi di un singolo – ma che regala a tutti la possibilità di comprare buono e a basso costo, nel rispetto dell’ambiente e delle persone, e che insegna anche qualcosa di rarissimo, nel nostro mondo: l’umiltà. Si chiama paradosso dell’umiltà il principio per cui coltivare questa virtù ci rende leader – e persone – migliori. Ci insegna l’empatia e il rispetto.

https://www.youtube.com/watch?v=D1olYdisOz0

Food Coop è il titolo del documentario in questione. L’opera di Tom Boothe, americano a Parigi, che ha studiato per 5 anni il successo della formula, ha già portato all’apertura del supermercato gemello La Louvre, ideato dallo stesso regista, e aperto l’anno scorso a Parigi (3mila soci per 1.500 mq di esposizione) e di Bees Coop a Bruxelles (aperto da una settimana e già a quota 1.300 soci). In tutto sono una trentina le realtà simili oggi sparse per il mondo. Il film sarà da novembre in Italia, a Bologna, nella sede di Camilla, primo supermercato del genere nel nostro Paese, che aprirà tra qualche mese, con il nome della comunità di Gas che l’ha fatto suo.

A New York, Park Slope Food Coop ha 17mila soci. Apre dalle 8 alle 22, sabato e domenica dalle 6 del mattino, e vende con prezzi mediamente inferiori del 20% a quelli dei supermercati “normali”, per una qualità decisamente più alta. Il 75% del lavoro lo fanno i soci, mentre il restante 25% è in mano a lavoratori stipendiati che coordinano il tutto. Il rapporto diretto con i coltivatori permette un incremento dei prezzi limitato, e un forte taglio agli sprechi grazie alla stagionalità della merce. Fondato nel 1973 da un gruppo di pacifisti e attivisti dei diritti civili, Park Slope ha una filosofia bella e giusta: slegarsi dal dominio della produzione intensiva e occuparsi del benessere collettivo.

Pubblicato in CINEMA
Martedì, 20 Marzo 2018 21:35

Paul Wertico TRIO in Free The Opera!

MAST Music Academy e Anche Cinema
presentano
la leggenda del JAZZ internazionale
PAUL WERTICO,
vincitore di 7 Grammy Award con il Pat Metheny Group,
in concerto con il suo TRIO,
composto da Fabrizio Mocata e Gianmarco Scaglia,
con il progetto FREE THE OPERA!
al Teatro polifunzionale Anche Cinema

Paul Wertico TRIO in Free The Opera!
Venerdì 13 aprile | ore 21
Teatro polifunzionale Anche Cinema
Corso Italia 112 BARI
Parcheggio convenzionato in Corso Italia 45

Biglietti ONLINE qui: http://bit.ly/2Do40lF
e su www.BOOKINGSHOW.com
Biglietti disponibili in tutti i punti vendita Bookingshow e al botteghino del Teatro polifunzionale Anche Cinema

BIGLIETTO INTERO in platea: 15€ + d.p.
BIGLIETTO INTERO secondo settore: 12€ + d.p.
BIGLIETTO INTERO GALLERIA: 10€ + d.p.

Biglietti RIDOTTI con AncheCinema CARD

INFO SMS/Whatsapp 329 611 22 91

Free The Opera!
Fabrizio Mocata - piano
Gianmarco Scaglia - contrabbasso
Paul Wertico - drums

Per anni i musicisti jazz hanno interpretato temi presi a prestito dal repertorio della musica popolare contemporanea. I brani celebri vengono chiamati "standard" e la pratica del "tema con variazione" di antica memoria, in buona sostanza si rivela intramontabile. In questo progetto, Fabrizio Mocata ha pensato di andare a ritroso nel tempo prendendo alcune famose "arie" d'Opera che, per lo meno in Italia, possono essere considerate "canzoni popolari contemporanee del XIX secolo" e questo conferisce ai brani più valore intrinseco e una qualità che consente più profonde esplorazioni nel tempo, struttura ed elaborazione armonica.

Le composizioni del trio rappresentano due diverse ma connesse aree del jazz. Da una parte abbiamo l'autentica interpretazione delle "canzoni popolari contemporanee del XIX secolo" e dall'altro abbiamo i brani che derivano direttamente dall'incontro della creatività e dell'interplay dei musicisti.

Non è un caso che uno di questi si chiami "Meeting of the Minds". Se nel jazz la scelta del materiale musicale non necessariamente influenza la formazione del gruppo, questo gruppo stesso produce del materiale musicale, producendo la maggior parte di ciò che i musicisti scelgono di suonare. Fabrizio Mocata è responsabile della scelta dei brani ed ha contribuito all'incisione con sorprendente versatilità, radicato nella formazione classica unita a tutte le esperienze musicali che ha maturato in diversi stili e generi.

PAUL WERTICO

Paul Wertico, nato a Chicago nel '53, batterista, nel 1983 entra a far parte del Pat Metheny Group (con il quale vincerà 7 Grammy Award) dove rimane fino al 2001.

A febbraio del 2001 lascia il gruppo per dedicarsi alla famiglia e seguire i suoi altri interessi musicali. Negli ultimi anni Wertico ha continuato a suonare, ha creato il Paul Wertico Trio e ha collaborato con musicisti come:Larry Coryell, Kurt Elling e Jeff Berlin.

Dal 2000 al 2007 è stato membro di un gruppo di rock progressivo polacco gli SBB. Il suo primo CD da leader è intitolato The Yin and the Yout. Questo album verrà acclamato dalla critica. Nel 1998 registra un Cd dal vivo con il Paul Wertico trio, intitolato Live in Warsaw con il chitarrista John Moulder e il bassista Eric Hochberg.

Il Pat Metheny Group è il gruppo che effettivamente porta al successo Wertico e proprio con il gruppo di Metheny infatti che Paul affina la sua tecnica e comincia a lavorare sull'uso dei piatti che diventerà poi una sua caratteristica. Nonostante provenga da generi musicali diversi Wertico entra subito in armonia con il gruppo di Pat Metheny diventando un elemento fondamentale della formazione e un punto di riferimento per i batteristi che lo sostituiranno.

GIANMARCO SCAGLIA

Gianmarco Scaglia, contrabbassista , compositore, nel 1986 ha fondato con Raimondo Meli Lupi l’ Open Frontiers Trio, che si esibisce tutt’ora. Nel 1994 ha formato un Trio a suo nome con Claudio Fasoli ai sassofoni ed Ettore Fioravanti alla batteria lavorando su proprie composizioni e realizzando il suo primo CD “ Moods” con l’etichetta MM Records (MM43024). Ha all’attivo circa 20 incisioni discografiche, di cui 4 a suo nome.
Presente sulla scena jazzistica nazionale dal 1984 esibendosi in clubs, teatri, rassegne dove ha collaborato con alcuni tra i più prestigiosi musicisti italiani e americani fra i quali Joe Diorio, Skip Hadden, Paul Wertico, John Helliwell, Danilo Rea, Paolo Fresu, Franco Cerri, Max De Aloe, Marco Tamburini, Massimo Manzi, Claudio Fasoli, Ettore Fioravanti, Giulio Stracciati, Daniele Malvisi, Mauro Beggio,, Stefania Rava, Piero Odorici, Nico Gori, Andrea Marcelli ed altri.

Ha avuto modo di esibirsi anche con l’ Orchestra Nazionale di Sofia, Jazz Art Orchestra, Arturo Toscanini Orchestra Ritmica. Nel 2003 i suoi CD "Blue in Green" e "Jazz City" sono stati recensiti dalla più importante e prestigiosa rivista specializzata "Double Bassist".

FABRIZIO MOCATA

Fabrizio Mocata, pianista e compositore siciliano, dal 2000 al 2007, fa parte del quintetto Rojo Porteño con cui suona in importantissime rassegne musicali e con cui vince concorsi di musica da Camera nazionali e internazionali.

Dopo diverse collaborazioni live e in studio, pubblica nel 2009 il suo progetto da leader “Puccini Moods”, in trio con E. Fioravanti e G. Scaglia. Il lavoro gli procura un’intensa attività live che gli permette di coinvolgere nel progetto musicisti del calibro di J. Helliwell (sax dei Supertramp), N. Gori, A. Marcelli, R. Meli Lupi, S. Ravasini, D. Malvisi e E. Zirilli.

Il progetto è stato di recente presentato con gran successo a Berlino. Sempre nel 2009, con il quartetto milanese Mala Hierba pubblica l’album “Impollinazioni”, disco che riceve il premio “Toast” al MEI di Faenza. Nel 2010 pubblica il CD live “Concerto della beata Cristiana”, in cui rielabora pagine di musica sacra in chiave jazzistica con un ensemble misto formato da un quartetto jazz e un quartetto classico d’archi.
A ottobre 2010 ha compiuto con A. Marcelli, G. Scaglia, M. De Aloe, C. Marrali, L. Petrocca e P. Crinelli un tour in South Africa, Mozambico and Zimbawe Nell'autunno 2010 ha presentato il progetto "Puccini Moods" al Bologna jazz festival e al 1st italian jazz festival a Berlino. Nel 2011 prende parte come musicista e compositore al progetto "Originals" di G. Scaglia insieme a P. Dabiré e G. P. Liguori, presentato con P. Crinelli all'interno del Valdarno jazz 2011 e di prossima registrazione. Nel luglio 2011 collabora con M. Panascia in "Jazz conversation". Nel 2011 intraprende la collaborazione con il cantante uruguaiano Ricardo Olivera suonando in diverse manifestazioni.
Nel 2012 si affaccia sulla scena internazionale registrando il suo nuovo progetto a New York con M. Panascia, F. Nemeth e G. Garzone. A inizio Luglio, insieme a Gianmarco Scaglia, ospita nuovamente il batterista P. Wertico, con cui, oltre a una serie di concerti, registra il nuovo album "Free the opera!

Pubblicato in MUSICA
Pagina 1 di 3
Hai un'idea? Vuoi presentare un progetto? Scopri come